Le mie Pipe

Le mie pipe “nascono” in Italia, dagli arbusti di Erica Arborea, in particolare dalle loro radici (radica) sotterranee, che vengono “cavate” esclusivamente nel periodo invernale.

Successivamente al trasporto, in ormai rare strutture, deputate alla pulitura alla selezione ed al taglio (chiamato anche “abbozzo”), la ricavata sezione passa al mastro pipaio che, dopo la “bollitura”, si impegna a sgrossare la futura pipa per la fase più critica: il connubio tra la Sua immagine e quella che la radica esprime dentro di essa.

Dopo diverse lavorazioni, dovute soprattutto all’ esperienza ed alla maestria di questi ormai rarissimi artisti che proseguono il percorso generazionale dei loro padri, la pipa ha preso la sua forma e le sue peculiarità definitive.

Da antiche aziende vengono ordinati i “bocchini”, che vengono successivamente lavorati, di diverse fatture e in vari materiali tra i quali metacrilato, ebanite, ecc.

Nel contempo, disegnatori, pittori, ed esperti d’arte alla ricerca delle opere storiche dei più grandi artisti, sono impegnati nell’individuazione del “concetto” da esprimere.

Grossisti di preziosi forniscono le pietre più adatte di concerto con il maestro orafo, per la realizzazione dell’opera.

Prima di passare alla lavorazione, il “soggetto”, opportunamente “discusso”, viene poi elaborato tridimensionalmente, con programmi di grafica computerizzata. Quindi, la fucina orafa, con l’ausilio tra gli

altri di scultore, incisori, incastonatori, ecc. sotto una attenta supervisione, dà forma concreta al pensiero di origine.

La lavorazione a “cera persa” dell’oro, rende pienamente il concetto di “unicità” dell’opera d’arte che, una volta completata, viene “smontata” per re inviare la pipa al mastro pipaio per un ulteriore controllo e lucidatura, terminata la quale, ritorna in oreficeria per la conclusione definitiva del lavoro.

Le mie pipe nascono per uomini eccezionali, e privilegiati, perché dotati della conoscenza, e la sensibilità necessaria, per ammirare ed apprezzare simili opere d’arte, uniche al mondo.